martedì 10 febbraio 2009

Un non cordiale vaffanculo ad Adriano Sofri

***
Si puo' essere sollevati perche' e' morto qualcuno?
Il mio vicino di scrivania, questa mattina, appena aperta la pagina di Repubblica con la notizia della morte di Eluana Englaro, ha esclamato: "oh! finalmente! almeno sti preti smettono di rompere il cazzo".
Non sono riuscito a dirgli che no, non smetteranno.
Poi mi sono imbattuto in una delle cose peggiori che io abbia mai letto, ovvero il commento di Adriano Sofri, "Quella ragazza che amavamo". E, Sofri, hai onestamente rotto il cazzo anche tu. PIU' DEI PRETI. Perche' io non conosco nessuno che volesse bene a Eluana. Non di persona. Il padre sicuramente si', ma anche di lui m'importa il giusto (pochino, in realta').
A me non me ne fregava un cazzo a motore. E il tuo articolo e' il peggiore accumulo di bassa retorica in cui mi sia capitato di imbattermi dall'epoca delle "Sette piccole proposte per una moratoria sull'aborto" del tuo amichetto grasso. Si', quello delle bottigliette d'acqua. Ripeto: non conosco nessuno che volesse bene a quella tizia. Cazzo, non conosco nessuno che non l'avesse vista se non in foto sgranate. Tu, l'amichetto grasso, Uolter, il Nano, Napolitano: se l'aveste vista, probabilmente vi avrebbe preso male. E magari anche fatto un po' schifo. Non so: neanch'io ho mai visto qualcuno da anni in stato vegetativo permanente. Ma almeno non dico di volergli bene. Diventa difficile voler bene ad un parente con un tumore di cui sei costretto a prenderti cura giorno per giorno anche solo per sei mesi. Bisogna essere gran belle persone per voler bene a qualcuno in quelle condizioni. Dopo tre mesi di tumore di mia nonna io mi ricordo che era facile portarla un po' sul cazzo. Io non mi sento unito nell'affetto per Eluana ne' con te, ne' con Ferrara, ne' con Berlusconi, ne' con Veltroni, ne' con Giuseppe Englaro (perche' cazzo i giornali lo chiamano Beppino?? che e', ci siete andati tutti a pranzo assieme?), ne' con nessuno dei lettori di Repubblica. Se c'e' qualcuno che vuole bene a Eluana, li' fuori, ecco: io non mi sento unito a lui. Eppure, sono convinto di essere meno solo di quanto sembri, perche' di Eluana non fregava una beneamata fava a nessuno. N-E-S-S-U-N-O.
Tutti i discorsi che si sono fatti in questi mesi erano per usare il suo caso come un grimaldello: un utile (anche grazie a una certa forma di religione civile del signor Englaro, l'unica cosa che trovo ammirevole in tutto questo) esempio, un esempio "emozionante", perche' cazzo non siamo capaci di prendere posizione sulle cose se non abbiamo prima l'occasione di versare una lacrimuccia, volere bene a qualcuno, dire che siamo tanto buoni e tanto sensibili. Non siamo capaci di fare una legge senza prima indignarci/ emozionarci/ spaventarci. Il che vuol dire, in soldoni, che non siamo capaci di fare una legge: tentiamo soluzioni alla cazzo per problemi su cui non riflettiamo perche' siamo troppo impegnati a voler bene a qualcuno. Il contendere, ma eravate troppo impegnati a voler bene ad Eluana per rendervene conto, era: chi decide quando dobbiamo schiattare, di chi e' la potesta' del nostro corpo. Noi, o una serie di tizi che ha deciso di non scopare e non vivere e non figliare (non pubblicamente per lo meno) per dedicarsi alla ben piu' soddisfacente attivita' di impedire agli altri di farlo, o almeno di decidere come e quando.
Sofri, ma vaffanculo, va.

(post scriptum: Sicuramente su questa cosa e' stato scritto di peggio, anche se non riesco a immaginare come sia possibile. Lo scopriro' nel corso della giornata, temo. Sofri pero' fa opinione, la gente si dice d'accordo, il figliolo lo rilancia su Wittgenstein come se dicesse sempre cose belle e giuste. Persino io l'ho iniziato a leggere con la speranza che dicesse qualcosa di sensato.)
***avevo fatto voto di non scrivere piu' di questa cosa, che ne ero seriamente schifato. E pero' quando mi incazzo, contravvengo alle decisioni pregresse.

UPDATE:
- anche Roberto Saviano, scrivendo su El Pais, non ce la fa a non far finta di aver pranzato diverse volte con il signor Giuseppe Englaro (l'abuso di Beppini e' quasi intollerabile)
- Veltroni, incredibilmente, scrive la solita lettera buonista in cui pero' ce la fa a chiamare Englaro solo per cognome e a parlare solo dell'affetto di quest'ultimo per la figlia e non di quello di tutti gli altri. Sono quasi ammirato. Se nella parte in cui parla della legge da farsi fosse appena un po' meno vago (sostanzialmente dice: si deve fare una legge che poi tutti devono rispettare... ok. Con scritto dentro cosa, di grazia?) avrei potuto quasi riconsiderare la mia opinione su di lui e magari anche sul PD.

38 commenti:

lastrega ha detto...

hai colpito nel segno...forse nessuno si è fermato un attimo a riflettere che forse la natura dell'essere umano non è vegetale?
o forse credono che sia umano che una persona viva artificialmente, con una sonda in pancia, e magari qualcuno che le pulisce il culo...
Credo che tutta la massa di idioti che per protesta lasciavano bottiglie d'acqua e panini in mezzo alla strada facevano meglio a regalarli a tutti i poveri morti di fame che si incontrano a ogni angolo di via...o quelli meritavano di meno?!!!

lastrega ha detto...

....e scusate l'italiano tremendo...ma certe cose fanno incazzare di bestia

daniele esposito ha detto...

guarda, a me lo sturbo provocato dalla lettura del sito di repubblica stamattina non mi e' ancora passato. E non mi sono arrischiato a leggere quelli di altri giornali. prima devo calmarmi.

1ps ha detto...

L'"individuo" ha iniziato ad esistere per la chiesa se non sbaglio con il concilio vaticano II, per timore di perdere proseliti.
Oggi, non è più necessario e si torna indietro, basta calare i propri fedeli in un'atmosfera da reality e stabilirne accuratamente la programmazione

(leggi il "beppino" con tutti gli aggettivi e i guidizi che senza alcuna moralistica esitazione gli vengono rivolti, leggi la gente comune che si scaglia sulle ambulanze urlando "eluana svegliati...")

daniele esposito ha detto...

beh, si, temo che i processi mentali della gentaccia che urla "eluana svegliati" e cerca di bloccare le ambulanze sia esattamente omologa a quella che si schiaccia sulle transenne del GF.
se non me lo facevi notare stavo meglio, ma ti ringrazio comunque. :)

Anonimo ha detto...

Daniele, è sorprendente che tu te la sia presa così tanto. Oltre a risentirne per quanto riguarda lo stile (non è la cosa migliore che hai scritto), pensavo fossi un pochino più distaccato su queste cose. Cioè, insomma, a parte la vicenda di per sé priva di interesse di una semi-morta che alla fine muore, mi chiedo come sia possibile prendersela tanto per Sofri. Per Dio, Sofri conta talmente poco per te, come può suscitare reazioni tanto violente e scomposte?

daniele esposito ha detto...

ma scusa, l'hai letta quella roba? quello è il MALE. Assoluto. La parte peggiore degli italiani. Berlusconi in confronto è il male minore, porca miseria: c'è la capacità di dimenticare l'essenza delle cose, la capacità di appropriarsi delle tragedie altrui e quella di finire comunque tutto a tarallucci e vino, e oltretutto con una delle peggiori chiusure della storia della letteratura UNIVERSALE.
Me la sono presa anche troppo poco, guarda.
(tra parentesi: a me questa invettiva, scritta stamane durante l'ora più tranquilla di lavoro mi piace, sarà che mi ci rivedo tutto, in questo incazzamento)

daniele esposito ha detto...

anyway: firmatevi con un nome di fantasia, per lo meno, che ho bisogno di identificarvi, cari anonimi. (sono l'unico blogger il cui pubblico è costituito quasi esclusivamente da non-blogger che non pubblicizzano le proprie pagine: credo di essere l'unico in italia)

la sora lella ha detto...

zozzone mio bello, stavolta hai fatto centro!
l'articolo dell'ADRIANONE faceva caà...
va detto però che è circa un annetto ormai, da quando è partita la polemica con Calabresi Jr, che il vecchio Adriano testimonia di aver perso colpi.
peccato, prima era uno dei pochi commentatori lucidi su piazza.

right next door to hell ha detto...

cmq posso dire una cosina piccina picciò?

a nessuno gli frega na fava di nulla, se non della su fava stessa.

e con ciò? che ti credi di aver scoperto chissà cosa?

l'illusione e l'inganno che costituiscono ordito e trama di ogni società sono l'idea della fratellanza e quella dell'interesse di ciascuno verso il suo prossimo.

buttato a mare quello, non ci restano che ragionamenti razionali...e si sà le società non sono tenute insieme dalla ragione.

daniele esposito ha detto...

sora lella alias schw., grazie dell'appoggio morale!

right etc.: sarà ovvio, ma bisogna ripeterlo. e un pò di razionalizzazione (anche se non tiene assieme la società) non mi sembra che faccia così male, soprattutto quando in giro non ne vedo PER NIENTE.

Anonimo ha detto...

vieni a skypare con me zozzone?

Anonimo ha detto...

Continuo a non capire tutta questa acredine. In fondo di commentatori di basso livello è pieno il mondo. E poi un fatto di cronaca così affine col gossip non può che scatenare le penne di tutti, oltre a produrre la peggiore letteratura leggibile.
Mi pare non ci sia granché da prendersela.

E poi non ho detto che il post è brutto; è solo che non sono abituato a vederti parlare di queste cosucce.

daniele esposito ha detto...

Beh anonimo, mica c'e' niente da capire: mi e' presa malissimo e mi sono incazzato. mi capita estremamente di rado ma capita anche a me. :)

daniele esposito ha detto...

schw. ero offline ormai!

Anonimo ha detto...

a zozzaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

cassandra ha detto...

Nel film Lawrence d'Arabia, l'emiro Faysal (Alec-Obi Wan-Guinness) risponde così ad un giornalista: " Per il maggiore Lawrence la pietà è una vocazione, per me si tratta soltanto di buone maniere...Giudichi lei, signor Bently, quale dei due moventi merita più fiducia".
Gradirei vivere in un paese di persone beneducate piuttosto che tra sensibili italianibravagente.

Sul pd e sul suo "ecumenismo molle". La parola 'molle' più di tutto mi pare appropriata: http://media.mimesi.com/cacheServer/servlet/CNcacheCopy?file=pdf/200902/10/0390_binpageNAZ18.NAZ19.pdf&authCookie=-1726772069

daniele esposito ha detto...

beh, se mi linki un'intervista con uno dei piu' fulgidi esponenti del PENSIERO BARZOTTO....

cassandra ha detto...

Un mollasse à penser :)

daniele esposito ha detto...

ma a qualcuno viene in mente un unico argomento su cui il pd abbia una posizione definita?
(e magari di sinistra? chiedo troppo, eh?)

cassandra ha detto...

Nessuno! Non esiste un solo argomento su cui abbiano una posizione unitaria e condivisa, né a livello nazionale né a livello locale. Mi sono fatta le primarie per le provinciali da scrutatrice e ho visto cose degne solo dei peggiori democristiani.

daniele esposito ha detto...

dai! almeno una! si potrebbe lanciare un contest per la migliore idea capace di unire la sinistra.
Comincio io: il panino col salame!
(non mi ricordo mai se caruso paskoski diceva che era il salame a essere di sinistra o la mortadella)

cassandra ha detto...

Si fa presto a dire salame...Che tipo di salame? Milanese? Ungherese? Felino? Lo sai che un'opzione ungherese riporterebbe ai dolorosi fatti del '56? Ci sarebbe senza dubbio una scissione interna.

daniele esposito ha detto...

beh, ovviamente milanese, perchè bisogna riconquistare il cuore del nord produttivo!

cassandra ha detto...

Forse i ceci secchi potrebbero unire il pd: i moderati potrebbero farci una zuppa, quelli più a sinistra dei falafel e i teodem potrebbero inginocchiarcisi sopra...

daniele esposito ha detto...

e a livorno la cecina! e in sicilia il pane e panelle, per sconfiggere Cuffaro! è un'idea geniale.

cassandra ha detto...

Se non spuntano commenti contrari, possiamo approvare la mozione 'ceci' all'unanimità. Yes, we cece!

daniele esposito ha detto...

I agree, ma temo che non siamo un campione rappresentativo!

BdA ha detto...

Finalmente un blog onesto del proprio sentire, io non posso dire di essere stato disinteressato alla vicenda in quanto la sofferenza di Giuseppe Englaro (questa storia di Bebbino era veramente esecrabile) mi ha molto coinvolto, avendo vissuto, come moltissimi altri e come gli altri con minor coraggio, situazioni simili. Ciao
http://bernardodaleppo.wordpress.com/

daniele esposito ha detto...

Bernardo il tuo commento non puoi immaginare quanto sia stato apprezzato. (Un blog interamente in versi, tra parentesi, e' un'idea cosi' estrema che a solo pensarla mi tremano le vene ai polsi [oggi voglio usare queste espressioni abusate, ho deciso]. Ma bella).

lastrega ha detto...

riguardo al salame...se ricordo bene era così: proscitto cotto fascista, salame democristiano, la finocchiona radicale e la mortadella comunista.

daniele esposito ha detto...

grazie anna! i miei ricordi erano vaghi.
comuqnue la mozione salame e' stata schiacciata dalla mozione "Ceci Democratici" (che ha colto grandi consensi e finora nessuna critica)

Anonimo ha detto...

e la pasta?

cassandra ha detto...

pasta e ceci per i moderati

daniele ha detto...

intendi i Teodem? li lascierei a digiuno, invece, così fan penitenza che male non fa mai.

cassandra ha detto...

No, mai dare penitenze ai teo, ci godono

Anonimo ha detto...

daniele esposito, per caso ho letto le cazzate che scrivi. sei pateticamente ridicolo. ti ha dato fastidio l'articolo di adriano sofri? confronto alle nefandezze degli esponenti di centrodestra sono un campo fiori rispetto a un campo di merda. e tu in che campo cammini?
ribio

daniele esposito ha detto...

caro ribio,
mi dispiace ma non si può difendere Sofri dicendo che Cicchitto è peggio. Anche perchè non ne sono convinto. Il succo dell'articolo di Sofri è: rendiamo la vicenda di Eluana una vicenda TOTALMENTE personale, una storia che ci fa commuovere e attorno alla quale ci sentiamo TUTTI uniti, indipendentemente dalle nostre convinzioni ideologiche, politiche o religiose. Che è proprio quello che non deve accadere, ed è proprio il motivo per cui le discussioni in questo paese finiscono in merda: non si discute mai nel merito, e si bada alla pancia e ai sentimenti. Certo, così si vincono le elezioni, probabilmente, ma non si fanno leggi. Quelli di destra accavallano paralogismi ma cercano di difendere una tesi che, per quanto aberrante ed eterodiretta è per lo meno definita, mentre nel centrosinistra questo non è possibile, e ci si nasconde dietro il nostro affetto verso una che non si è mai vista (e che, per inciso, era morta circa 17 anni fa).