venerdì 6 febbraio 2009

Affaire Cardano /4 : (rimuginio)

Nello scrivere di un qualsivoglia autore, c'e' il rischio dello scarrafone che e' sempre bello a mamma soja.
Perche', diciamocelo, dopo essersi fatti il culo triplo su un tizio e sulle sue opere illeggibili, non puoi concludere fosse un cretino. Ci passi per cretino anche tu.
Per questo ogni ricercatore e' convinto che quello che studia sia fondamentale, che il suo autore, corrente, opera, periodo siano un faro che deve guidare noi tutti attraverso i flutti perigliosi della storia. E' inevitabile. Quanto piu' un autore viene studiato, tanto piu' ogni sua opera, anche la minore, trovera' chi la incensa, chi le dedica uno studio. Se studi un autore che hanno gia' studiato in tanti, ad un certo punto passi ad occuparti delle opere minori, poi dei diari, poi delle liste della spesa. E ogni volta devi giustificare la fatica immane di decifrare cosa avesse deciso di comprare Nietzsche nel 1894 ("Uova, pancetta, crauti, latte": si conclude che iniziano a manifestarsi i primi segni della pazzia, e la digestione di tutto questo segna la concettualizzazione dell'eterno ritorno).
Anch'io sono convinto che studiare Cardano sia importante. E' inevitabile, l'ho detto. L'importante e' che io non arrivi mai a convincermi che Cardano fosse un eroe, un genio, un motivo d'orgoglio per la storia del pensiero italiano. Va bene cercare di convincersi che da un punto di vista di storia della cultura, della medicina, del genere letterario dell'autobiografia sia importante cercare di capire cosa pensasse quell'uomo e perche': ma convincersi che ogni pagina sfuggita alla sua penna contenga una rivelazione, passare sopra al tasso di stronzate diffuse, catalogandole come "l'officina" di Cardano (mettiamo a morte tutti quelli che usano la metafora dell'officina del pensiero, grazie? Negli ultimi quattro anni l'ho sentita e letta almeno tre volte al giorno), o al limite come il seme di una cosa fondamentale a venire, il presentimento di un'idea futura, il richiamo ad un'idea intelligente di qualcun'altro: questo no, non si fa. E' barare, si fa solo nella richiesta di fondi universitari, nei progetti di ricerca e nei seminari. Nel mondo degli adulti dovrebbe essere vietato. Come Bruno, come Nietzsche, anzi, piu' di questi due (dotati di maggior talento, e' inutile negarlo) Cardano sparava nel mucchio e ci prendeva anche, ogni tanto. Ma sparava nel mucchio, con un suo metodo, cercando di prendere la mira in un modo tutto suo che vale la pena di analizzare ma continuava ad impallinare anche un sacco di innocenti idee bislacche, e ad esibirle affianco a quelle un filo piu' intelligenti. Di libri sulla genialita' di Bruno, di Marx, di Nietzsche, di Cardano (beh, no, su Cardano ce n'e' relativamente pochi, per fortuna) il mondo e' pieno: di libri disposti ad ammettere che ogni tanto dicessero delle stronzate, e magari a chiedersi come mai c'e' invece assoluta carenza.
Non bisogna amare mai gli autori che si studiano. Tanto sono morti.

11 commenti:

Anonimo ha detto...

right!
bravo!

in effeti c'è differenza tra tenersi il santino di padre pio in macchina e scrivere un libro su padre pio....

Anonimo ha detto...

right!
bravo!

in effeti c'è differenza tra tenersi il santino di padre pio in macchina e scrivere un libro su padre pio....

Anonimo ha detto...

right!
bravo!

in effeti c'è differenza tra tenersi il santino di padre pio in macchina e scrivere un libro su padre pio....

elisabeth ha detto...

Mi oppongo: Save Cardano! Quell'uomo era sfigatissimo, aveva moglie stronza, figli pirla e figlia meretrice, nonostante questo ha ideato il Giunto Cardanico (noto anche come Hooke Joint), un quradrilatero articolato spaziale in cui tutte le coppie rotoidali concorrono in uno stesso punto e quelle di ogni membro sono perpendicolari fra loro; questa geometria fá si che il meccanismo abbia un grado di libertá anche se tutte le coppie rotoidali sono con spallamento. Questo meccanismo di collegamento degli alberi é spettacolare (ed é anche il primo pezzo meccanico che abbia mai disegnato).

Ipotizzo che Nietzsche con quella lista della spesa lí dovesse fare i pancake con la pancetta (e magari mele,zucchero a velo e stroop)

Anonimo ha detto...

direi che è stato già detto tutto.. l'ho detto.

daniele esposito ha detto...

Eli, mica ho detto che non gli riconosco il giunto cardanico, e anche a me Cardano sta simpatico (anche se come uomo doveva essere seriamente spiacevole).

Primo anonimo ripetitivo: concordo, tre volte concordo (e tre volte grazie)

ultimo anonimo: ridillo, semmai.

Anonimo ha detto...

berlusconi dice che la costituzione è vecchia ed è stata scritta da comunisti. dunque va cambiata.

la sostanza è che le cose vecchie non vanno bene.
buttiamo a mare tutto....

Anonimo ha detto...

quindi lui sarebbe uno dei primi della lista...

Anonimo ha detto...

gallina vecchia...a proposito vi ho raccontato di quella volta che mi rimochiai una vegliarda?

daniele esposito ha detto...

no dai! racconta!!

Anonimo ha detto...

conta su, dai!