mercoledì 29 aprile 2009

Incubo del giorno /7

Sono alla presentazione di un libro di Marco Travaglio sull'Inter (la squadra).
L'autore esordisce: "Io ho avuto una mamma. Non posso credere che anche altri l'abbiano avuta. La mia non ce l'aveva. La mia mamma era enorme".
La platea esplode in una fragorosa risata e trascinante applauso.
Io sono perplesso, e così mi sveglio.

15 commenti:

dr. froid ha detto...

E' evidente, mio caro, che travaglio rappresenta il tuo io-lavorativo ovvero le tue ansie professionali. La mamma che lui ha e gli altri no è un'idea, un sentimento di giustizia, serenità, protezione, rassicurazione di cui non trova traccia nell'universo in cui si muove/ti muovi

il mio papi è presidente ha detto...

a proposito di sogni: severgnini oggi mi diverte!
ha definito il berluskaiser "la biografia onirica della nazione: lui fa quello che gli italiani sognano".
E poi propone, per una svolta psichedelico-pop:
"Che so, un Consiglio dei Ministri organizzato come il Grande Fratello, con tanto di televoto: sarà il pubblico a decidere quale ministro dovrà uscire dalla casa. Oppure un altro trasferimento del G8. Non a Roma, non in Sardegna, non in Abruzzo. In discoteca! I colloqui tra i leader avverranno sulla pista da ballo, mentre ministri e diplomatici si divincolano sui cubi, battendo le mani ("Rock the World, Baby!")."

cassandra ha detto...

Come in ogni fiction che si rispetti è d'obbligo a un certo punto l'entrata in scena della figlia illegittima. Si attendono nuove appassionanti puntate sulla divisione dell'eredità nella telenovela più amata dalle mandrie italiane.
Travaglio ho smesso di sognarlo quando sono venuta a conoscenza della pagliacciata che ha fatto per la tv...come perdere fascino e dignità in tre minuti.

rana pescatrice ha detto...

kazzo anche tu sognavi travaglio!
ragazzi è un'epidemia?

ma il mitico ROCCO non è meglio? Almeno lui di patatine se ne intende

cassandra ha detto...

Devo essermi persa i film 'Rocco e i suoi faldoni giudiziari' e 'Rocco e la sua spocchia', altrimenti avrei sognato anche lui :)

elisabeth ha detto...

Qualche giorno fá ascoltavo un programma radiofonico assurdo chiamato La Vera Storia della Chiesa dove la tipa che lo conduce (Angela Pellicciari, ma é davvero cosí famosa nell'ambiente come pare in rete?) inveiva contro i Savoia che con l'unitá d'Italia avevano usurpato i poteri dei papi... Mi veniva da pensare che ora che l'UdC ha candidato Emanuele Filiberto alle europee che drammi verranno fuori per gli integralisti cattolici.

Anonimo ha detto...

uaahahahahahahh :D

Anonimo ha detto...

L'unità d'italia è stata l'annessione coatta della penisola da parte dei piemontesi, che all'epoca si comportarono come oggi fanno gli americani, e che sui libri di storia passano per brava gente quando in realtà furono solo degli stronzi come gli altri.
Il risorgimento un paio di palle, Garibaldi era uno sciacallo idiota, Mazzini un fesso, Cavour un banchiere.
Perchè ci dicono che l'unità fu una cosa buona? Invasione, sterminio, annessione.
Mah...

Anonimo ha detto...

che esagerazione ! non sono d'accordo, per quanto sia stata gravemente infarcita di retorica trovo l' idea dell'Unità una cosa meravilgios seppur ancora non abbia trovato modo di realizzarsi in modo civile e maturo.

incompreso camicia rossa

Anonimo ha detto...

Sciocchezze.

Anonimo ha detto...

L'unità deve essere voluta, non imposta con i fucili. Il resto sono chiacchiere.

Anonimo ha detto...

avete mai visto un processo di nation building voluto dal basso?

beh, vittorio emanuele era un nano...che volete di più?

Anonimo ha detto...

a proposito: come si pronuncia Tortoise (parlo del gruppo): Tortuàs? Tortois? Tortoise?

elisabeth ha detto...

La fonetica é (tôr'tus)

comunque prova ad inserirla qui e risolvi subito il dubbio sulla pronuncia:

http://www.oddcast.com/home/demos/tts/tts_example.php

daniele esposito ha detto...

grazie eli!!