martedì 8 aprile 2008

quotes: il geometra

(lo scrittore in crisi è interessante come un geometra che non sa fare i calcoli)

A. Arbasino, Un paese senza

4 commenti:

cassandra ha detto...

E io che ti pensavo arbasinamente impegnato con l'ingegnere ;)

cassandra ha detto...

Certe volte sono troppo criptica anche per me...lasciamo stare il commento precedente.
Cosa si può fare per gli scrittori in crisi? Una enorme focaccia con i pomodorini aiuterebbe? E un paio di litri di primitivo di Manduria, giusto per restare dalle tue parti?
E poi, cos'è meglio? Uno scrittore in crisi o uno scrittore prolifico ma moccia?
E soprattutto, meno interessante di un geometra c'è solo un geometra che sa anche fare i calcoli!
Fine delle cazzate :)

Anonimo ha detto...

quando arbasino era ancora un grande, e non in crisi... adesso sembra un'anziana sciura milanese, di quelle che prendeva in giro anni fa, che si lamenta perché, ué, la città è un porcile, e tutti questi immigrati, e poi i bei tempi quando c'era la callas e si andava con Manganelli a cena da mimmo il troione.

daniele esposito ha detto...

non mi eri sembrata molto criptica, Cassandra... ti riferivi all'ingegnere in blu, o sbagli? non l'ho ancora comprato, mi sto trattenendo.... per gli scrittori in crisi l'alcool aiuta, ma finchè non scrivono sul fatto che non riescono a scrivere li tollero! i geometri non sono il peggio: sono i selezionatori della kirby - prima o poi la racconterò, questa - il male assoluto..

per l'Anonimo: effettivamente Arbasino è diventato un pò sciura, ma ogni tanto continua a beccarci, anche se si ha il dubbio che colpisca nel segno solo per aver sparato troppe volte nel mucchio....