lunedì 10 marzo 2008

Stato dei lavori

Sono abbastanza indietro, ma sono indietro più o meno quanto previsto: è già qualcosa, rispetto alla continua agnizione di un ritardo insormontabile. Siamo fiduciosi.
(però: continuo più a tagliare che a inserire roba: mi ricorda la descrizione che dà Woody Allen del suo modo di scrivere all'inizio di Manhattan)

2 commenti:

cassandra ha detto...

È sempre un bene essere in ritardo, drogati dall'adrenalina si lavora meglio.
Coraggio! Metti su Gershwin e continua a tagliare :)

daniele esposito ha detto...

tagliato il tagliabile, ora la sto rimpinzando.