mercoledì 5 marzo 2008

Achab! (un esperimento)

Come disegnatore ho fondamentalmente due grossi problemi. Il primo, quello meno grave, è che ho poca pazienza e poco tempo, sicché sono davvero pochi i disegni su cui ho lavorato per più di un giorno. Il secondo, più grave, è che non sono abbastanza bravo perché i miei disegni in velocità abbiano una loro dignità e personalità. All'inizio degli anni 80, Andrea Pazienza diceva di essere alla ricerca del suo "segno ottanta". Diciamo che io, il mio segno, devo ancora trovarlo, figuriamoci farlo evolvere.
In questi giorni però avevo voglia di buttare giù qualcosa, ma i tempi sono davvero risicati, e allora mi sono dato delle regole: disegni e testi improvvisati (il che non vuol dire che io non ci pensi nei tempi morti), materiali limitati e scelti dall'inizio (in questa prima pagina di prova: tratto pen, niente matita nè gomma, e solo alla fine una spolverata di colori a matita). La prossima pagina sarà: carta a quadretti, bic nera.
Se qualcuno cerca di leggere quanto scritto: mi scuso per la qualità infame dell'immagine, ma non avevo uno scanner sottomano: ricupererò.

4 commenti:

cassandra ha detto...

Lo so che è la cosa più fastidiosa dell'universo, ma il mio cervello va avanti a riferimenti letterari e manifestarli rientra nell'elenco delle mie compulsioni, quindi: "Gli scarafaggi non hanno re" di Daniel Evan Weiss. Non si può prescindere da questo romanzo se si racconta di scarafaggi senzienti :-)

La mucca in Arno meriterebbe un foglio tutto per sé, ci mancano solo le nutrie intorno a banchettare :)

daniele esposito ha detto...

fastidiosa? sei matta? mi sembra la migliore delle perversioni possibili: io comunque ero partito dallo scarafaggio che si trasformò in uomo, o un titolo del genere, appena pubblicato dalla newton compton (più sotterraneo, c'è un ricordo da "La decapitazione dei capi" di italo Calvino, che mi viene in mente ogni volta che penso a un pugno alzato per incitare alla rivolta), ma leggerò anche il tuo weiss... ho giusto lo sconto feltrinelli che attende di essere consumato....

daniele esposito ha detto...

comunque, cassandra carissima, vorrei rimarcare il fatto che tutto è partito dalla tua osservazione circa la "nutria bianca" che alcuni affermano aver visto in arno.... non so ancora come svilupperò la cosa, ma se c'è un Achab per titolo un motivo dovrà pur esserci, no?

cassandra ha detto...

Troppa grazia! :-)