mercoledì 23 gennaio 2008

caro benedetto

Se avete la pazienza di leggerla tutta e non vi fate spaventare dalla proustiana assenza di "a capo", la lettera di Marzio Pieri a papa Benedetto XVI vi ricompenserà largamente.

2 commenti:

cassandra ha detto...

Tutto è diventato più chiaro quando ho letto che è uno studioso del barocco. Però, definire la povera Manon una puttanella...non si fa...È come dare del crucco-porcaro al papa :)

daniele esposito ha detto...

e infatti, che c'è di male? comunque evviva che sei tornata, mi mancavano i tuoi commenti, ma vedo che le rutilanti avventure del giovane Ratzinger (fumetto in corso di preparazione) scatenano sempre la tua voglia di scrivere!